The North Face ha fatto un guaio su Wikipedia

Ha cambiato le foto di alcuni articoli con altre che contenevano suoi prodotti, violando esplicitamente i termini di servizio, e poi se n'è vantata online

The North Face, la popolare azienda statunitense di abbigliamento sportivo e tecnico, ha violato i termini di servizio di Wikipedia per provare a scalare le ricerche su Google. Nei giorni scorsi, in collaborazione con la filiale brasiliana dell’agenzia pubblicitaria Leo Burnett, North Face ha realizzato un video pubblicitario che mostra come l’azienda abbia volontariamente violato il regolamento di Wikipedia per piazzare ai primi posti dei risultati di Google foto contenenti suoi prodotti.

Il video inizia dicendo che molto spesso, prima di organizzare un viaggio, le persone controllano su Google le foto del posto dove vogliono andare, e in molti casi al primo posto delle ricerche ci sono immagini tratte da articoli di Wikipedia. Così, continua la pubblicità, North Face ha deciso di “fare quello che nessuno aveva mai fatto prima”: ha cambiato le foto di 12 articoli di Wikipedia, tra cui quello del parco nazionale di Guarita e la Penisola del Capo, entrambi in Brasile, inserendo al loro posto foto che contenevano prodotti con il logo North Face.

Nel video si dice che l’azienda è riuscita a farsi pubblicità senza pagare nulla, ma solo “collaborando con Wikipedia”. Il video è stato ripreso il 28 maggio dal sito AdAgeche si occupa di marketing e pubblicità, a cui un responsabile dell’agenzia Leo Burnett ha detto che il più grande ostacolo alla riuscita della campagna è stato riuscire a caricare le foto senza attirare l’attenzione dei moderatori di Wikipedia e mantenere le foto negli articoli più a lungo possibile.

Dopo la pubblicazione del video e dell’articolo, i moderatori di Wikipedia hanno rimosso le 12 foto con prodotti The North Face e segnalato i profili degli utenti che le avevano caricate. Wikimedia Foundation, la fondazione senza scopo di lucro che si occupa di Wikipedia, ha successivamente pubblicato un comunicato in cui ha detto di non aver collaborato in nessun modo al video di The North Face, specificando che inserire pubblicità all’interno di un articolo viola esplicitamente i termini di servizio del sito. «Quando The North Face strumentalizza la fiducia che avete in Wikipedia per vendervi più vestiti, dovreste arrabbiarvi. Inserire contenuti con fini esclusivamente pubblicitari va contro il regolamento, gli intenti e la missione di Wikipedia di fornire al mondo una conoscenza neutrale basata sui fatti», dice il comunicato.

Un rappresentante di The North Face ha detto al sito The Register che l’azienda crede fermamente nei valori di Wikipedia, e si è scusato per l’operazione: «Con effetto immediato abbiamo terminato la campagna pubblicitaria e in futuro ci impegneremo a fare meglio e a garantire che i nostri team e i nostri venditori siano più preparati sulle regole del sito di Wikipedia». Secondo AdAge i pubblicitari di Leo Burnett avrebbero messo in conto una reazione negativa dopo la pubblicazione del video, che farebbe quindi parte di una più ampia strategia di marketing per far parlare del marchio. AdAge ha provato a contattare i responsabili di Leo Burnett per ulteriori commenti ma per ora non ha avuto risposte.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.