• Mondo
  • sabato 25 maggio 2019

Il Tribunale internazionale del diritto del mare ha ordinato alla Russia di rilasciare immediatamente i 24 marinai ucraini arrestati in Crimea lo scorso novembre

Il Tribunale internazionale del diritto del mare, organo indipendente dell’ONU con sede ad Amburgo, in Germania, ha ordinato alla Russia di rilasciare immediatamente i 24 marinai ucraini arrestati e le tre navi sequestrate lo scorso novembre al largo della Crimea. Gli arresti erano avvenuti dopo uno scontro tra le tre navi ucraini e alcune navi della marina russa, nei pressi dello stretto di Kerč’. La Russia, comunque, non riconosce la giurisdizione del Tribunale di Amburgo e molto probabilmente non obbedirà alle indicazioni dei giudici.

I marinai ucraini in cella in un tribunale a Mosca (AP Photo/Alexander Zemlianichenko)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.