• Mondo
  • giovedì 23 maggio 2019

In Algeria e in Argentina non c’è più la malaria

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che in Algeria e in Argentina non c’è più la malaria: ha potuto farlo perché negli ultimi tre anni nessuno ha contratto la malattia nei due paesi. È una notizia in controtendenza rispetto agli ultimi dati sulla malattia, i cui casi annuali stanno aumentando a livello globale. Il 90 per cento dei casi di malaria avviene in Africa, quindi soprattutto il risultato algerino è importante: l’Algeria è solo il secondo paese africano in cui la malaria è giudicata assente dall’OMS; l’altro, dal 1973, è Mauritius, che però è uno stato insulare e molto più piccolo.

L’OMS stima che ogni anno oltre 200 milioni di persone entrino in contatto con la malaria, quasi sempre a causa delle zanzare che sono portatrici sane della malattia. Se curato subito, un paziente riesce a guarire senza particolari problemi, evitando le complicazioni, ma in numerose aree rurali dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina è spesso impossibile ricevere assistenza sanitaria adeguata. Solo nel 2017 sono morte di malaria circa 435mila persone in tutto il mondo; nel 2015 erano state 430mila.

(Ton Koene/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.