• Italia
  • martedì 21 maggio 2019

Il Tar della Calabria ha annullato il provvedimento che aveva escluso Riace dallo Sprar

Il Tribunale amministrativo regionale della Calabria (Tar) ha accolto il ricorso del Comune contro il provvedimento dello scorso 9 ottobre del ministro dell’Interno che aveva escluso Riace dallo Sprar, (sigla che sta per Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati). Il governo aveva deciso il trasferimento di tutti i migranti inseriti nel sistema di seconda accoglienza del piccolo comune calabrese, sostenendo che ci fossero state «palesi irregolarità» nella gestione dei fondi statali destinati all’accoglienza. La decisione era stata molto criticata, soprattutto perché il modello di accoglienza di Riace, promosso dal sindaco Domenico Lucano, è stato spesso raccontato come efficace e positivo.

Uno scorcio di Riace, in provincia di Reggio Calabria (ANSA/CESARE ABBATE)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.