I nuovi divieti europei sulla plastica usa e getta sono stati approvati in via definitiva

Il Consiglio dell’Unione Europea ha approvato la legge che era stata proposta dal Parlamento europeo per vietare, a partire dal 2021, la vendita di alcuni prodotti di plastica usa e getta come posate, piatti da pic nic, cannucce monouso, cotton fioc e bastoncini di plastica per palloncini. Il Consiglio chiede anche che i singoli stati nazionali si impegnino a ridurre l’uso degli altri prodotti in plastica e che i produttori rispettino le direttive per lo smaltimento dei rifiuti. Gli Stati membri hanno poi stabilito che entro il 2029 dovrà essere raccolto il 90 per cento delle bottigliette di plastica; entro il 2025 dovranno essere composte per il 25 per cento di materiale riciclato, e per il 30 per cento entro il 2030.

L’Unione Europea produce circa 26 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica all’anno – di cui solo il 30 per cento al momento è riciclabile – e di questi finiscono nel mare tra le 150 mila e le 500 mila tonnellate: sulle spiagge europee l’80-85 per cento dei rifiuti è plastica e per la maggior parte sono prodotti usa e getta. Per aver un’idea più chiara di cosa significhi è più o meno come se ogni anno 66 mila camion della spazzatura gettassero i loro carichi direttamente in mare.

(Justin Sullivan/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.