• Mondo
  • lunedì 20 Maggio 2019

In Tagikistan 32 persone sono morte per una rivolta in una prigione

In Tagikistan 32 persone, tra cui 3 guardie, sono morte durante una rivolta in un carcere di massima sicurezza a Vakhdat, una città a 25 chilometri dalla capitale Dushanbe. Stando alle prime informazioni, la rivolta è cominciata con un gruppo di prigionieri accusati di far parte dello Stato Islamico (o ISIS), che si sarebbero procurati coltelli e altri oggetti affilati per uccidere tre guardie e cinque compagni di cella. Un successivo intervento degli agenti di sicurezza della prigione ha permesso di riportare l’ordine, dopo una rivolta in cui sono morte almeno altre 24 persone.

Il presidente del Tajikistan, Emomali Rahmon. (AFP PHOTO / GREG BAKER / POOL)