Donald Trump ha ritardato di sei mesi la decisione se imporre o meno nuovi dazi sulle importazioni di auto provenienti da Europa e Giappone

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deciso di ritardare di sei mesi la decisione se imporre o meno nuovi dazi sulle importazioni di auto e componenti automobilistici dall’Europa e dal Giappone. Trump, ha scritto AP, non ha voluto aumentare le tensioni con i propri alleati sulle dispute commerciali in corso, e allo stesso tempo non ha voluto interferire nei negoziati intrapresi con l’obiettivo di trovare una soluzione positiva per tutte le parti coinvolte. L’idea dell’imposizione di dazi sulle importazioni di auto e di componenti automobilistici, inoltre, aveva trovato un appoggio piuttosto scarso all’interno dell’industria automobilistica statunitense.

La portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha detto venerdì che se entro 180 giorni non si troverà un accordo nell’ambito dei negoziati in corso tra Stati Uniti e Unione Europea, Trump rivaluterà la sua posizione e deciderà se e quali misure prendere al riguardo.

Donald Trump parla con i giornalisti nei giardini della Casa Bianca, domenica 24 marzo. (AP Photo/Alex Brandon)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.