• Italia
  • martedì 14 maggio 2019

Una delle aziende impegnate nella ricostruzione del ponte Morandi di Genova è stata interdetta dall’antimafia

Il prefetto di Genova ha emesso una interdittiva antimafia nei confronti di un’azienda napoletana impegnata nella ricostruzione del ponte Morandi, crollato lo scorso 15 agosto, perché «permeabile ed esposta al pericolo di infiltrazione della criminalità organizzata di tipo mafioso». La ditta è la Tecnodem s.r.l. Unipersonale, e da febbraio era stata inserita tra le aziende subappaltatrici «per la demolizione e la bonifica degli impianti tecnologici, per una cifra pari a 100 mila euro», scrive il Secolo XIX. La Direzione Investigativa Antimafia, continua il quotidiano genovese, ha segnalato che l’amministratrice della ditta è consuocera di un dipendente ligure della Tecnodem con diversi precedenti penali in processi collegati alla criminalità organizzata.

(ANSA/LUCA ZENNARO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.