• Mondo
  • mercoledì 8 maggio 2019

Trump ha bloccato la diffusione delle parti del rapporto Mueller non ancora divulgate

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha bloccato la diffusione delle parti non ancora divulgate del “rapporto Mueller”, il documento conclusivo dell’indagine del procuratore speciale Robert Mueller sulle interferenze della Russia nella campagna elettorale statunitense del 2016 e i presunti tentativi di Trump di ostacolare la giustizia. Per farlo Trump ha invocato il cosiddetto “executive privilege”, cioè quella prerogativa del presidente che permette di opporsi a certe richieste di testimonianza e diffusione di atti sulla base del fatto che riguardano l’istituzione della presidenza. Proprio oggi la commissione Giustizia della Camera si è riunita per votare sull’accusa nei confronti del procuratore generale William P. Barr (cioè il ministro della Giustizia americano) di aver oltraggiato il Congresso nascondendo parte del rapporto Mueller.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.