Otto paesi dell’Unione Europea proporranno di spendere un quarto del bilancio comunitario per combattere il cambiamento climatico

Otto paesi membri dell’Unione Europea (Belgio, Danimarca, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Svezia) hanno annunciato un piano ambizioso per combattere il cambiamento climatico che prevede di spendere un quarto del bilancio dell’UE a questo scopo. Il piano sarà presentato alla riunione tra i capi di governo europei che inizierà domani a Sibiu, in Romania, e in cui si discuterà del futuro dell’Europa e in particolare delle strategie per i prossimi cinque anni. L’obiettivo della proposta degli otto paesi sarebbe annullare le emissioni di anidride carbonica dell’Unione entro il 2050 come termine massimo: il gruppo vorrebbe che l’UE annunciasse questo proposito all’assemblea generale delle Nazioni Unite del prossimo settembre.

Al momento i paesi dell’Unione Europea sono formalmente impegnati a ridurre le proprie emissioni di anidride carbonica del 20 per cento rispetto ai livelli del 1990 entro il 2020, al fine di arrivare a una riduzione del 40 per cento entro il 2030: si sa già però che molti paesi non raggiungeranno l’obiettivo, alcuni con un grosso margine. Tra i paesi autori della proposta alcuni hanno già previsto di ridurre ulteriormente le proprie emissioni: la Svezia progetta di azzerare l’emissione netta di anidride carbonica entro il 2045. L’obiettivo di azzerare le emissioni entro il 2050 in tutta l’Unione era già stato discusso dalla Commissione Europea per rispettare i termini dell’accordo sul clima di Parigi del 2015, ma perché sia adottato da tutti i paesi europei servono sia l’appoggio del Parlamento che quello del Consiglio Europeo, l’organo che riunisce i capi di stato o di governo dei paesi membri. Molti paesi, tra cui la Germania e la Polonia, temono però che un impegno di questo genere nella lotta al cambiamento climatico potrebbe danneggiare il settore industriale.

La proposta prevede anche che come «principio generale» con i fondi europei non si finanzi nulla che aumenterebbe le emissioni di anidride carbonica.

Un cartello dei manifestanti del movimento ambientalista Extinction Rebellion a Londra, il 25 aprile 2019 (Getty Images/ Leon Neal/Staff)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.