• Mondo
  • mercoledì 8 maggio 2019

Asia Bibi ha lasciato il Pakistan

Asia Bibi, la donna pakistana cristiana che ha passato otto anni in carcere per un’accusa di blasfemia prima di essere giudicata innocente e liberata lo scorso novembre, ha lasciato il Pakistan. Il suo avvocato Saif Ul Malook ha detto a CNN che è arrivata in Canada, dove vivono già da tempo i suoi cinque figli.

Nel 2010 Bibi (il cui vero nome è Asia Noreen) era stata condannata a morte con l’accusa di avere insultato il profeta Maometto durante un litigio con alcuni vicini di casa avvenuto l’anno precedente. Dal 2010 al 2018 è stata in carcere, perlopiù in isolamento: anche per questo il suo caso era stato seguito in tutto il mondo. A gennaio la Corte Suprema del Pakistan aveva respinto il ricorso contro la sua assoluzione, chiesto dagli islamisti ultraconservatori: da allora Bibi, che ha ricevuto numerose minacce di morte in questi mesi, aveva il permesso di lasciare il paese.

Un sit-in di solidarietà con Asia Bibi organizzato a Roma il 13 novembre 2018 da CitizenGo (ANSA/Patrizia Cortellessa/Pacific Press via ZUMA Wire)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.