• Mondo
  • martedì 29 gennaio 2019

La Corte Suprema del Pakistan ha respinto il ricorso contro l’assoluzione di Asia Bibi

La Corte Suprema del Pakistan ha respinto il ricorso contro l’assoluzione di Asia Bibi, la donna cristiana che nel 2010 era stata accusata di blasfemia per avere insultato il profeta Maometto durante un litigio con alcuni vicini di casa ed era stata condannata a morte. Asia Bibi aveva trascorso gli ultimi otto anni in carcere prima che la Corte Suprema annullasse la sua condanna lo scorso ottobre. La sentenza, che aveva portato alla sua scarcerazione, aveva causato le proteste degli islamisti ultraconservatori in tutto il paese, i quali avevano anche chiesto che venisse ribaltata.

Una manifestazione di piazza contro Asia Bibi organizzata il 19 ottobre 2018 a Lahore, Pakistan (ARIF ALI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.