• Mondo
  • sabato 4 maggio 2019

I risultati delle elezioni locali in Inghilterra e Irlanda del Nord

È andato male il Partito Conservatore (come ampiamente previsto), ma non sono andati bene nemmeno i Laburisti

Il 2 maggio si sono svolte in Inghilterra e in Irlanda del Nord le elezioni amministrative locali: si è votato per rinnovare oltre ottomila seggi in 248 consigli comunali. Il partito che è andato peggio è quello Conservatore di Theresa May, che rispetto alle precedenti elezioni del 2015 ha perso più di mille seggi. Ne ha però persi alcuni  (82) anche il partito Laburista di Jeremy Corbyn, ed è andato male anche l’UKIP, il Partito per l’Indipendenza del Regno Unito. Hanno guadagnato seggi rispetto al 2015 i Verdi e i Liberal-democratici. Il Partito Conservatore è comunque il partito con più seggi: 3.500, ma ne manca ancora qualcuno da conteggiare.

Si tratta di elezioni locali che quindi, spesso, non sono necessariamente indicative di altro; è però evidente come i partiti favorevoli o poco avversi a Brexit siano andati male, mentre quelli contrari siano andati bene, o comunque meglio rispetto a quattro anni fa.

Theresa May (AP Photo/Tim Ireland)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.