È stato trovato un antidoto per il veleno delle cubomeduse australiane

Alcuni ricercatori dell’Università di Sydney, in Australia, hanno trovato un antidoto al veleno delle cubomeduse, animali apparentemente simili alle meduse che vivone nelle acque australiane, conosciute anche come vespe di mare perché il loro veleno è tra i più potenti e pericolosi al mondo. Un esemplare di cubomedusa australiana ha in corpo abbastanza veleno per uccidere più di 60 persone: una puntura di cubomedusa causa dolori atroci e la necrosi della pelle nell’area colpita, ma può causare anche un arresto cardiaco, se la dose di veleno è abbastanza concentrata, e portare alla morte nel giro di pochi minuti. Attraverso studi sul genoma umano, i ricercatori australiani hanno trovato un antidoto molecolare in grado di bloccare i sintomi della puntura di cubomedusa se applicato sulla pelle entro 15 minuti.

(via Wikipedia)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.