• Italia
  • martedì 30 aprile 2019

La Camera ha approvato l’istituzione di una commissione d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni

La Camera ha approvato l’istituzione di una commissione d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, il ricercatore italiano dell’università di Cambridge, scomparso il 25 gennaio 2016 mentre stava lavorando in Egitto a una tesi di dottorato sui sindacati del paese. La proposta, avanzata da Leu, è stata approvata con 379 voti a favore e 54 astenuti: solo il gruppo di Forza Italia ha deciso di non partecipare al voto, dopo la bocciatura di un proprio emendamento. La Commissione sarà composta da 20 deputati e avrà il compito di «raccogliere tutti gli elementi utili per l’identificazione dei responsabili della morte di Giulio Regeni nonché delle circostanze del suo assassinio».

(ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.