• Mondo
  • martedì 23 aprile 2019

La Corte Suprema del Myanmar ha rifiutato la possibilità di ricorrere in appello ai due giornalisti di Reuters condannati per avere violato segreti di stato

La Corte Suprema del Myanmar ha rifiutato la possibilità di ricorrere in appello ai due giornalisti di Reuters condannati per avere violato alcuni segreti di stato per una loro inchiesta sulle violenze compiute contro la popolazione della minoranza rohingya, di religione musulmana. Kyaw Soe Oo e Wa Lone furono arrestati nel dicembre del 2017, e condannati nel settembre 2018 a sette anni di carcere.

Martedì mattina, il giudice della Corte Suprema del Myanmar, Soe Naing, ha annunciato la decisione della corte di respingere l’appello e di confermare la sentenza già emessa. Reuters ha diffuso una nota che dice: «Wa Lone e Kyaw Soe Oo non hanno commesso alcun crimine, né sono state fornite prove sulla loro colpevolezza. Sono stati incastrati dalla polizia che ha voluto censurare il loro lavoro. Continueremo a fare tutto il possibile per liberarli il prima possibile. “

Il giornalista di Reuter Kyaw Soe Oo parla con i giornalisti mentre esce dal tribunale: lui e un collega sono stati condannati a 7 anni di carcere, accusati di avere violato alcuni segreti di stato per una loro inchiesta sulle violenze condotte contro la popolazione dei Rohingya (AP Photo/Thein Zaw)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.