• Mondo
  • lunedì 3 settembre 2018

In Myanmar, due giornalisti di Reuters che si occupavano dei Rohingya sono stati condannati a 7 anni di carcere

Un tribunale del Myanmar ha condannato a 7 anni di carcere due giornalisti dell’agenzia di stampa internazionale Reuters, accusati di avere violato alcuni segreti di stato per una loro inchiesta sulle violenze condotte contro la popolazione dei Rohingya, la minoranza musulmana che vive nel paese. Kyaw Soe Oo e Wa Lone erano stati arrestati poco dopo avere ricevuto documenti da alcuni ufficiali di polizia. I due giornalisti hanno sempre sostenuto la loro innocenza, dicendo di essere stati incastrati dalla stessa polizia e, dopo la sentenza, hanno detto di continuare a credere nella giustizia, nella democrazia e nella libertà. Il direttore di Reuters, Stephen Adler, ha detto che quello della sentenza è “un giorno triste per il Myanmar”. La vicenda dei due giornalisti ha avuto rilievo internazionale ed era considerata un momento di prova per verificare lo stato della libertà di stampa in Myanmar.

Il giornalista di Reuters Kyaw Soe Oo viene scortato all'esterno del tribunale di Yangon, Myanmar, dopo la sentenza e la condanna a 7 anni di carcere (YE AUNG THU/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.