La manifestazione di venerdì a Roma, a cui ha partecipato anche la giovane attivista svedese Greta Thunberg (Valerio Portelli - LaPresse)
  • Italia
  • venerdì 19 aprile 2019

Le foto di Greta Thunberg e della manifestazione per il clima a Roma

Dopo aver parlato al Senato e incontrato il Papa, la giovane ambientalista svedese ha protestato con gli studenti romani

La manifestazione di venerdì a Roma, a cui ha partecipato anche la giovane attivista svedese Greta Thunberg (Valerio Portelli - LaPresse)

Da giovedì Greta Thunberg, la giovane attivista ambientalista svedese ispiratrice del recente movimento studentesco contro il riscaldamento globale, è a Roma. Giovedì ha tenuto un discorso davanti al Senato italiano e ha incontrato papa Francesco, mentre oggi ha partecipato a una manifestazione contro il cambiamento climatico insieme agli studenti romani, bambini e ragazzi, a piazza del Popolo. Non è stato un vero sciopero scolastico come nel caso degli altri “Venerdì per il futuro”, dato che oggi, per via delle festività pasquali, non era un giorno di scuola, ma Thunberg ha detto che non importava perché «la crisi climatica non va in vacanza».

Secondo gli organizzatori, più di 25mila persone hanno partecipato alla manifestazione. Il microfono sul palco usato per i discorsi era “a pedali”, cioè in parte alimentato da una serie di biciclette usate da un gruppo di volontari per generare l’energia elettrica per farlo funzionare: un’invenzione coerente con i valori di Thunberg e del suo ambientalismo, anche se si è dovuto aggiungere un collegamento con la rete elettrica per ottenere energia sufficiente a farlo sentire in tutta la piazza.

L’idea del “Venerdì per il futuro” è nata il 20 agosto del 2018, quando Thunberg decise di non presentarsi più a scuola fino al 9 settembre seguente, giorno delle elezioni politiche, per chiedere al governo svedese di occuparsi più seriamente del cambiamento climatico, adottando politiche più incisive per ridurre le emissioni di anidride carbonica (tra i principali gas serra). La protesta era nata in seguito a un’estate particolarmente calda in Svezia, che aveva portato a numerosi ed estesi incendi nel paese.

Il discorso di Thunberg al Senato italiano, in versione integrale:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.