C’è qualche problema coi primi Samsung Galaxy Fold

Diversi giornalisti hanno segnalato rotture e malfunzionamenti dello schermo pieghevole dei loro modelli di prova, Samsung sta indagando

I Galaxy Fold, i primi smartphone con schermo pieghevole di Samsung, dovrebbero essere messi in vendita entro poche settimane, ma i primi modelli di prova inviati a diversi giornalisti per le loro recensioni hanno mostrato qualche serio problema. Dopo un paio di giorni di prove, gli schermi di alcuni di questi Galaxy Fold hanno smesso di funzionare, per cause su cui sta ora indagando la stessa Samsung.

Il nuovo dispositivo era stato presentato lo scorso febbraio da Samsung, suscitando grandi attenzioni dai media e dagli appassionati di tecnologia, che potevano finalmente vedere un prodotto a lungo promesso dall’azienda sudcoreana. I problemi riscontrati in questi giorni potrebbero causare qualche problema d’immagine a Samsung, che sta puntando molto sul Galaxy Fold per dimostrare le proprie capacità nel campo della ricerca e sviluppo di nuovi dispositivi, con i quali rilanciare le vendite dei suoi smartphone.

Dieter Bohn, giornalista della testata di tecnologia The Verge, racconta in un articolo i problemi che ha riscontrato con il suo Galaxy Fold dopo pochi giorni di prove. Il dispositivo si apre e chiude come un libro: ha uno schermo esterno più piccolo, e uno più grande e pieghevole che diventa visibile quando si apre lo smartphone. Bohn ha notato che al di sotto dello schermo, in prossimità del punto in cui si piega, si era formato un piccolo rigonfiamento, causato da qualcosa che ci era finito sotto. Per quanto minuscolo, lo spessore aggiuntivo ha fatto sì che lo schermo si rompesse, diventando inutilizzabile.

(The Verge)

Bohn ha spiegato di non essere certo delle cause del problema. Un’ipotesi è che un corpo estraneo si sia infilato nella cerniera del Galaxy Fold, spostandosi di qualche millimetro a ogni apri/chiudi, finendo infine sotto lo schermo dove ha causato il danno. Le prove eseguite da Bohn non hanno comunque previsto utilizzi particolarmente a rischio: sono state effettuate quasi sempre al chiuso, e non in ambienti con polvere o sabbia.

Altri giornalisti hanno segnalato problemi con i Galaxy Fold inviati da Samsung per le loro recensioni. Steve Kovach di CNBC ha pubblicato su Twitter un video dove mostra come il suo dispositivo di prova abbia smesso di funzionare dopo un solo giorno di test.

Anche Mark Gurman di Bloomberg ha avuto un problema simile, ma nel suo caso la causa potrebbe essere stata la rimozione di una pellicola protettiva presente sullo schermo pieghevole. La pellicola è stata progettata da Samsung per offrire maggiore protezione allo schermo e non deve essere rimossa, ma sui modelli di prova inviati ai giornalisti non c’erano chiare indicazioni. Diversi hanno pensato che si trattasse della classica pellicola di plastica che i costruttori lasciano sugli schermi dei nuovi smartphone, per proteggerli fino al loro primo utilizzo.

Altri giornalisti ed esperti di tecnologia hanno segnalato problemi simili, sempre dovuti alla rimozione della pellicola protettiva che non doveva essere rimossa.

Tra rotture per la rimozione della pellicola protettiva e altri malfunzionamenti, è circolata una decina di segnalazioni su problemi con lo schermo pieghevole del Galaxy Fold, solo tra i giornalisti che lo hanno ricevuto in prova. Per Samsung potrebbe essere un serio problema, se si considera quanto sia atteso il nuovo smartphone e se si pensa che ogni Galaxy Fold costerà circa 2mila euro.

Dopo avere ricevuto richieste dai giornalisti interessati, Samsung ha diffuso un comunicato nel quale ha confermato di volere indagare le segnalazioni sulle rotture impreviste dei suoi Galaxy Fold. La società ha inoltre confermato che la pellicola protettiva sullo schermo pieghevole non deve essere rimossa e che, per i modelli che saranno messi in vendita, sarà mostrata una chiara indicazione sulla necessità di lasciarla dove si trova.

Prima dei problemi e delle rotture impreviste, il Galaxy Fold aveva comunque ricevuto recensioni tutto sommato positive. Diverse avevano segnalato che da aperto lo schermo mostra comunque un lieve segno del punto in cui si piega, ma nulla di così drammatico rispetto alla resa complessiva delle immagini e alla qualità del prodotto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.