• Mondo
  • lunedì 15 aprile 2019

Nella centrale di Fukushima hanno cominciato a rimuovere le barre di combustibile nucleare

La Tokyo Electric Power Co. (Tepco), la società che gestisce la centrale nucleare di Fukushima Daiichi, in Giappone, ha annunciato che sono cominciati i lavori per rimuovere le barre di combustibile nucleare al momento depositate in una piscina di stoccaggio vicina a uno dei tre reattori dove nel 2011 il combustibile si fuse. I lavori sono portati avanti in modo automatizzato, senza che gli addetti entrino nell’edificio del reattore, dove i livelli di radiazioni sono alti. In tutto vicino al reattore 3 ci sono 566 barre di combustibile, alcune già usate nella centrale, altre no. Per rimuoverle tutte e trasferirle in un posto sicuro serviranno due anni di lavoro. È un passaggio importante del processo di dismissione della centrale, anche se non quello più delicato: rimuovere il combustibile fuso nei reattori sarà la cosa più difficile.

Dopo otto anni si potrà tornare a vivere vicino alla centrale nucleare di Fukushima

(Tomohiro Ohsumi/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.