(SpaceX)

Per la prima volta SpaceX ha recuperato tre razzi in un colpo solo

A un anno da quello inaugurale, Il secondo lancio del Falcon Heavy è stato un successo: foto e video

(SpaceX)

Per la prima volta nella sua storia, la società spaziale privata SpaceX di Elon Musk è riuscita a fare atterrare tutti e tre i razzi (lanciatori) che costituiscono il Falcon Heavy, il più grande e potente razzo oggi disponibile sulla Terra. Nelle prime ore di venerdì 12 aprile, il Falcon Heavy è partito da Cape Canaveral, in Florida, per il suo secondo viaggio dopo quello inaugurale – e molto seguito – di un anno fa. All’epoca il lancio fu sperimentale e dimostrativo e colpì l’immaginazione di molti per la scelta di SpaceX di lanciare verso un’orbita marziana una Roadster di Tesla, l’azienda di automobili di Musk. Questa volta, il Falcon Heavy ha invece trasportato un satellite saudita per le telecomunicazioni.

Il Falcon Heavy è una versione più “pesante” e corposa dei Falcon 9, i classici razzi famosi per la loro capacità di fare manovra dopo il lancio e tornare a Terra, senza che vadano persi e distrutti durante il rientro. Ed è proprio l’unione di tre versioni modificate del Falcon 9 a costituire un Falcon Heavy.

Il razzo nel suo complesso utilizza 27 motori e riesce a portare fino a 64 tonnellate di materiale in orbita (LEO, orbita terrestre bassa, tra i 160 e i 2mila chilometri dalla Terra). È alto 70 metri, quanto un edificio di 20 piani, e raggiunge una larghezza massima intorno ai 12 metri. L’obiettivo principale è utilizzarlo per mettere in orbita satelliti molto pesanti, ma potrebbe essere anche sfruttato per trasportare materiale sulla Luna.

Nel volo inaugurale del 2018, SpaceX era riuscita a riportare interi al suolo i due lanciatori laterali del Falcon Heavy, mentre aveva fallito nel fare altrettanto con il razzo centrale: avrebbe dovuto raggiungere una piattaforma galleggiante nell’oceano, ma mancò il bersaglio e si schiantò ad alta velocità in acqua.

In questo secondo lancio è invece filato tutto liscio e per la prima volta la società ha recuperato tutti e tre i suoi lanciatori. Il risultato è merito delle tecniche che SpaceX è riuscita ad affinare nell’ultimo anno per controllare e guidare sulla strada del ritorno i suoi razzi, ma anche ad alcune modifiche apportate agli stessi lanciatori. La loro nuova evoluzione, Block 5, è stata proprio progettata per migliorarne l’affidabilità e la sicurezza nelle fasi di rientro al suolo.

SpaceX ha fatto progressi considerevoli in poco tempo per il recupero dei suoi razzi, soprattutto se si considera che i primi tentativi in tal senso furono eseguiti appena 4 anni fa. Il primo, nel gennaio del 2015, finì con una grande esplosione del razzo, che raggiunse la piattaforma galleggiante, senza però riuscire a fermarsi. Pochi mesi dopo un altro Falcon 9 riuscì quasi a farcela, ma s’inclinò all’ultimo disintegrandosi sulla piattaforma. Dopo qualche altro insuccesso, ora SpaceX riesce quasi sempre a recuperare i suoi razzi, che vengono riutilizzati per nuovi lanci, dando la possibilità all’azienda di offrire passaggi a prezzi molto competitivi per chi vuole portare in orbita i propri satelliti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.