• Mondo
  • mercoledì 10 aprile 2019

La famiglia di Jamal Khashoggi ha negato di aver trovato un accordo con l’Arabia Saudita

Salah Khashoggi, figlio di Jamal Khashoggi, ucciso su ordine del regime nel consolato saudita a Istanbul lo scorso 2 ottobre, ha scritto un comunicato a nome della famiglia del giornalista e dissidente saudita in cui ha negato che ci sia stato un qualsiasi tipo di accordo con la famiglia reale saudita. Negli scorsi giorni il Washington Post aveva infatti scritto che i quattro figli di Jamal Khashoggi avevano ricevuto case e migliaia di dollari ogni mese da parte dell’Arabia Saudita. Nel suo comunicato Salah Khashoggi dice che da parte della famiglia reale saudita ci sono stati solo “atti di generosità”, ma nessuna ammissione di colpa. «Al momento» – si legge nel comunicato – «c’è un processo in corso e non è stato discusso nessun accordo. Le persone che hanno commesso l’omicidio verranno portate davanti alla giustizia e saranno punite».

(Chris McGrath/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.