• Mondo
  • martedì 2 aprile 2019

L’Arabia Saudita starebbe dando case e migliaia di dollari ogni mese ai figli di Jamal Khashoggi, secondo il Washington Post 

Il Washington Post scrive che l’Arabia Saudita avrebbe dato case e migliaia di dollari ogni mese ai quattro figli del giornalista e dissidente saudita Jamal Khashoggi, ucciso su ordine del regime nel consolato saudita a Istanbul lo scorso 2 ottobre. Secondo il Washington Post, il giornale per cui collaborava Khashoggi e che è stato da subito molto affidabile sulla vicenda, i figli di Khashoggi riceverebbero circa 10mila dollari al mese ciascuno, e potrebbero continuare a ricevere in futuro anche pagamenti più cospicui dal governo saudita, fino a 10 milioni di dollari. Le case donate ai figli di Khashoggi si trovano nella città portuale di Jeddah, e varrebbero più di 4 milioni di dollari. Salah, il figlio maggiore, avrebbe intenzione di vivere ancora in Arabia Saudita, mentre gli altri vivono negli Stati Uniti e si prevede che possano vendere le case.

I pagamenti rientrerebbero, secondo il Washington Post, «in uno sforzo da parte del governo saudita di arrivare a un accordo a lungo termine con i familiari di Khashoggi, mirato in parte a garantire che questi continuino a mostrare moderazione nelle loro dichiarazioni pubbliche». Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman è estesamente sospettato di essere stato il mandante dell’omicidio di Khashoggi, ma la monarchia saudita sostiene che i responsabili dell’omicidio furono alcuni agenti dell’intelligence che agirono in autonomia senza coinvolgere il principe. Il corpo di Khashoggi non è mai stato trovato: secondo un recente documentario di Al Jazeerail giornalista venne ucciso e smembrato da una squadra di sicari all’interno dell’ambasciata saudita a Istanbul, e il suo corpo fu probabilmente bruciato in un grosso forno nella casa del console saudita a Istanbul.

 

(AP Photo/Virginia Mayo, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.