Un dipendente di Unicredit in Cina ha sottratto 13 milioni di euro ai clienti della banca

Un dipendente di Unicredit in Cina ha sottratto circa 100 milioni di yuan (13 milioni di euro) ai clienti della banca, approfittando di alcune falle di sicurezza nella gestione interna delle password, condivise tra i vari reparti. I soldi sono stati sottratti nell’arco degli ultimi tre anni, ma la polizia cinese e la commissione regolamentare per le banche e le assicurazioni (CBIRC) sono state avvertite del furto solo l’anno scorso. Bloomberg scrive che nei prossimi mesi CBIRC imporrà una sanzione a Unicredit.

Il gruppo bancario italiano si è detto dispiaciuto dell’incidente e si è scusato con le persone derubate: «La sicurezza dei beni dei nostri clienti è la nostra principale preoccupazione e sono state prese tutte le precauzioni necessarie per evitare che un simile incidente si ripeta», ha detto un portavoce a Bloomberg.

(EPA/MATTIA SEDDA/ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.