• Sport
  • lunedì 8 aprile 2019

Le foto della maratona di Pyongyang

A cui hanno partecipato il doppio degli stranieri rispetto all'anno scorso

Uno straniero alla maratona di Pyongyang, 7 aprile (KIM Won Jin/AFP via LaPresse)

Domenica 7 aprile in Corea del Nord si è corsa la 30esima edizione della maratona di Pyongyang, conosciuta ufficialmente con il nome di “Mangyongdae Prize International Marathon”, a cui hanno potuto partecipare anche numerosi stranieri, circa il doppio rispetto all’anno scorso. La maratona faceva parte delle celebrazioni per l’anniversario della nascita dell’ex leader nordcoreano Kim Il-Sung, nato il 15 aprile 1912, ed è stata un’occasione rara per vedere atleti e turisti stranieri correre per le strade della capitale, con il pubblico nordcoreano ai lati della strada a fare il tifo.

Gli atleti potevano iscriversi solo tramite tour operator: secondo i dati ufficiali diffusi da quest’ultimi hanno partecipato circa 950 stranieri, molti in più rispetto ai 450 dell’anno scorso, anche grazie alla recente distensione nelle relazioni diplomatiche tra le due Coree. Non hanno potuto partecipare turisti statunitensi, in quanto è ancora in vigore un divieto per gli statunitensi di viaggiare in Corea del Nord in seguito alla morte dello studente Otto Warmbier nel 2017, dopo essere stato detenuto in Corea del Nord per avere presumibilmente rubato un poster di propaganda.

Come scrive Reuters non è comunque mancata una parte propagandistica: i visitatori sono stati portati in visita in alcuni dei luoghi più significativi per il governo, come il Museo della guerra, a Pyongyang.