Theresa May ha chiesto di rinviare Brexit al 30 giugno

In una lettera inviata al presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, la prima ministra britannica, Theresa May, ha chiesto di rinviare Brexit al prossimo 30 giugno. Nella lettera May scrive anche che il Regno Unito si preparerà a partecipare alle elezioni europee del 26 maggio nel caso in cui il Parlamento non dovesse riuscire ad approvare un accordo per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea entro tale data.

Prima della pubblicazione della lettera, una fonte autorevole dell’Unione Europea aveva riferito a BBC che Tusk avesse intenzione di proporre per Brexit un rinvio “flessibile” di 12 mesi. La proposta di Tusk, che dovrà essere approvata dai leader europei in un vertice previsto per il 10 aprile, permetterebbe comunque al Regno Unito di uscire dall’Unione Europea prima che siano trascorsi i 12 mesi se il Parlamento dovesse riuscire ad approvare un accordo (per questo si parla di rinvio “flessibile”). La data di uscita del Regno Unito dall’Unione Europea è prevista per il prossimo 12 aprile, e al momento le ipotesi – ormai da prendere molto con le pinze – sono due: o il “no deal“, cioè l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea senza accordo, oppure una proroga più lunga, che vada oltre le elezioni europee di fine maggio.

(Leon Neal - WPA Pool/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.