• Mondo
  • mercoledì 27 marzo 2019

Meng Hongwei, ex capo dell’Interpol arrestato in Cina lo scorso anno, è stato incriminato per corruzione

Le autorità cinesi hanno incriminato l’ex capo dell’Interpol Meng Hongwei per corruzione, ha scritto Reuters. Meng, che prima di diventare il capo della principale organizzazione internazionale di cooperazione di polizia era stato viceministro cinese della Sicurezza, è stato inoltre espulso dal Partito comunista per violazione della disciplina di partito. Lo scorso settembre Meng era stato al centro di un caso raccontato dai giornali di mezzo mondo. Da un giorno all’altro aveva smesso di dare notizie di sé e aveva presentato le dimissioni all’Interpol con effetto immediato, senza spiegare nulla nemmeno ai familiari. Il governo cinese aveva confermato il suo arresto dopo circa due settimane, sostenendo di avere avviato un’indagine su di lui, ma fino a oggi senza formalizzare alcuna accusa.

Meng Hongwei (AP Photo/Wong Maye-E, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.