Theresa May ha fatto sapere che potrebbe non chiedere un nuovo voto al Parlamento sull’accordo su Brexit

In una lettera aperta ai parlamentari britannici resa pubblica ieri sera, la prima ministra Theresa May ha fatto sapere che potrebbe non mettere ai voti per la terza volta l’accordo su Brexit negoziato dal suo governo con l’Unione Europea. L’accordo è stato già bocciato due volte dal Parlamento britannico, entrambe ad ampia maggioranza, e negli ultimi giorni non sembra aver guadagnato nuovi consensi.

Gli accordi presi nell’ambito del Consiglio Europeo di giovedì 21 marzo prevedono che in caso di una terza bocciatura dell’accordo da parte dal Parlamento britannico – o in assenza di una nuova votazione – il Regno Unito dovrà comunicare all’UE cosa intende fare entro il 12 aprile. Le possibilità sono sostanzialmente due: una nuova proroga a patto di tenere le elezioni europee oppure l’uscita dall’Unione senza alcun accordo.

 

 

(Jonathan Brady - WPA Pool/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.