Facebook ha ammesso che per anni ha conservato milioni di password senza criptarle

Facebook ha ammesso che per anni ha conservato le password di milioni di utenti senza criptarle, conservandole in un documento di testo accessibile a migliaia di dipendenti della società. La notizia era stata data inizialmente dal giornalista Brian Krebs, Facebook l’ha poi confermata con un post sul suo blog. In tutto, l’errore di Facebook – che normalmente conserva tutte le password in file criptati – dovrebbe aver riguardato circa 600 milioni di utenti. Facebook ha detto che aveva scoperto il problema a gennaio, spiegando che lo aveva risolto e che aveva già pianificato di avvisare le persone coinvolte. Per il momento non sembra comunque che ci siano rischi concreti legati alla gestione di queste password.

Il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg (Justin Sullivan/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.