• Mondo
  • lunedì 18 marzo 2019

Il cantante congolese Koffi Olomidé è stato condannato in contumacia da un tribunale francese per lo stupro di una 15enne

Il cantante congolese Koffi Olomidé, uno dei più popolari musicisti africani, è stato condannato in contumacia da un tribunale di Nanterre, in Francia, per lo stupro di una sua ex ballerina avvenuto quando lei aveva 15 anni. Olomidé, che ha 62 anni e non si è presentato al processo, è stato condannato a due anni di carcere con sospensione condizionale della pena e al pagamento di un risarcimento di 5mila euro. L’avvocato di Olomidé considera la sentenza come una vittoria dato che comporta il ritiro del mandato d’arresto internazionale nei confronti del suo cliente: la sospensione condizionale della pena prevede che possa essere arrestato solo nel caso in cui compia un altro reato.

Olomidé era stato inizialmente accusato di stupro nel 2012: quattro ballerine che avevano lavorato per lui avevano raccontato di essere state aggredite dal cantante più volte tra il 2002 e il 2006, nella Repubblica Democratica del Congo e in Francia. Dal 2009 Olomidé, il cui vero nome è Antoine Agbepa Mumba, non era più tornato in Francia. L’uomo è un cantante, produttore discografico e compositore di musica soukous, anche nota come “rumba africana”.

Il cantante congolese Koffi Olomidé durante un concerto (YouTube)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.