• Mondo
  • domenica 17 marzo 2019

A Belgrado migliaia di persone hanno manifestato contro il presidente serbo Aleksandar Vučić

Domenica a Belgrado, in Serbia, migliaia di persone hanno manifestato contro il presidente serbo Aleksandar Vučić, accusandolo di voler limitare la libertà di stampa e di espressione, e di governare in maniera sempre più autoritaria. La protesta, che si è concentrata attorno al palazzo presidenziale, ha seguito l’assalto alla sede della Radio Televisione Serba (RTS), la televisione pubblica, avvenuto sabato per la prima volta in quasi vent’anni. L’ultima volta che manifestanti antigovernativi avevano fatto irruzione nella sede della RTS era il 5 ottobre 2000, durante le proteste che portarono alla fine del regime del presidente serbo Slobodan Milošević.

Le proteste contro Vučić sono iniziate lo scorso dicembre. Domenica Vučić ha fatto un discorso in diretta televisiva e ha detto di non essere intimidito dai manifestanti, che ha definito “hooligans”.

(AP Photo/Marko Drobnjakovic)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.