Champs-Elysées, Parigi, 16 marzo 2019 (AP Photo/Christophe Ena)
  • Mondo
  • sabato 16 marzo 2019

Le nuove proteste dei “gilet gialli” a Parigi

I manifestanti hanno preso d'assalto alcuni negozi sugli Champs-Elysées e hanno dato fuoco a barricate e auto: sono state arrestate 240 persone

Champs-Elysées, Parigi, 16 marzo 2019 (AP Photo/Christophe Ena)

Sugli Champs-Elysées a Parigi, in Francia, si sono tenute nuove manifestazioni dei cosiddetti “gilet gialli“, cioè quel movimento iniziato per protestare contro i rincari della benzina e finito per diventare una più ampia rivolta contro il governo e il presidente francese Emmanuel Macron. Durante le proteste, a cui hanno partecipato circa 10mila persone, ci sono stati diversi momenti di violenza: la polizia ha usato cannoni d’acqua e gas lacrimogeno per disperdere i manifestanti, che a loro volta hanno lanciato oggetti contro gli agenti che si trovavano vicino all’Arco di Trionfo.

I “gilet gialli” hanno preso d’assalto e saccheggiato diversi negozi molto noti sugli Champs-Elysées, come il ristorante Le Fouquet’s, e hanno dato fuoco ad alcune barricate e ad almeno un’auto. Il ministro dell’Interno francese, Christophe Castaner, ha dato l’ordine di rispondere «agli inaccettabili attacchi con la massima fermezza». Ci sono almeno 42 persone ferite lievemente, 17 agenti e un vigile del fuoco; la polizia ha arrestato 240 manifestanti.

Era da diverso tempo che non si vedevano proteste dei “gilet gialli” così numerose. A gennaio il governo francese aveva ordinato alla polizia di reprimere le proteste con forza, e allo stesso tempo Macron aveva fatto importanti concessioni ai manifestanti: tra le altre cose aveva promesso di tagliare le tasse ai pensionati e di aumentare il salario minimo. Negli ultimi due mesi, inoltre, il presidente francese aveva lanciato e aperto un “grande dibattito nazionale” che lo aveva portato a incontrarsi con sindaci e cittadini per trovare soluzioni alle proteste.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.