• Mondo
  • sabato 16 marzo 2019

In Algeria c’è stata un’altra enorme protesta contro il presidente Abdelaziz Bouteflika e i suoi alleati

Venerdì, per la quarta settimana consecutiva, in Algeria si è tenuta una grande protesta contro il presidente 82enne Abdelaziz Bouteflika e i suoi alleati. I manifestanti hanno chiesto le dimissioni di Bouteflika, al potere da vent’anni, e un cambio generale del sistema politico algerino dominato da decenni dai veterani della guerra per l’indipendenza combattuta tra il 1954 e il 1962.

La manifestazione era stata organizzata nonostante lunedì fosse stato annunciato il ritiro della candidatura di Bouteflika alle prossime elezioni presidenziali, inizialmente fissate per aprile. Con l’annuncio, il governo algerino sperava di fermare le proteste, che nelle prime settimane si erano concentrate sull’incapacità del presidente di continuare a governare il paese: Bouteflika, infatti, dal 2013 non si fa quasi più vedere in pubblico a causa della paralisi e dei danni provocati da un ictus. La mossa del governo non era stata però sufficiente a fermare le proteste: i manifestanti avevano rifiutato l’ultima proposta di rimandare le elezioni e avevano cominciato a chiedere un cambio più ampio del sistema politico nazionale.

Manifestazione ad Algeri, 15 marzo 2019 (AP Photo/Sidali Djarboub)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.