• Sport
  • venerdì 15 marzo 2019

Napoli-Arsenal ai quarti di Europa League

In una eventuale semifinale incontrerà la vincente del "derby" spagnolo Villarreal-Valencia

L'ex calciatore Ricardo Carvalho estrae il Napoli nei sorteggi degli ottavi di Europa League (Salvatore Di Nolfi/Keystone via AP)

I sorteggi dei quarti di finale di UEFA Europa League 2019 si sono tenuti oggi nella sede della UEFA a Nyon, dopo quelli di Champions League. Hanno stabilito le quattro partite del terzultimo turno del torneo, che verranno disputate ad aprile. I sorteggi erano liberi, senza nessuna limitazione, ma con una novità: come per la Champions League, hanno stabilito anche gli accoppiamenti per le semifinali.

Le partite sorteggiate dei quarti di finale:

Napoli – Arsenal
Villarreal – Valencia
Benfica – Eintracht Francoforte
Slavia Praga – Chelsea

Le partite di andate si giocheranno l’11 aprile, quelle di ritorno la settimana dopo, il 18 aprile. La vincente di Napoli-Arsenal giocherà la semifinale contro la vincente del “derby” spagnolo Villarreal-Valencia. L’altra semifinale del torneo verrà giocata dalle vincenti di Benfica-Eintracht e Slavia Praga-Chelsea.

Curiosità sull’Europa League

Dopo l’eliminazione dell’Inter, il Napoli è rimasta l’unica squadra italiana in corsa nel torneo, dove viene data tra le favorite insieme ad Arsenal e Chelsea. Con i due club londinesi, che si aggiungono ai quattro in Champions League, il campionato inglese è ora quello più rappresentato nelle coppe europee, cosa che all’Inghilterra non succedeva dal 1971. Dopo sei vittorie negli ultimi dieci anni, in questa stagione la Spagna potrebbe invece rimanere a secco. Il Siviglia, vincitore di tre edizioni consecutive del torneo fra il 2014 e il 2016, è stato infatti eliminato a sorpresa dallo Slavia Praga. Di spagnole in corsa rimangono Valencia e Villarreal: quest’ultima, nonostante la buona coppa disputata, in campionato sta rischiando la retrocessione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.