Zingaretti vuole cambiare la sede del PD

Vuole che non sia più a largo del Nazareno, e che abbia «al piano terra anche una bella libreria, un coworking, un bar»

Nicola Zingaretti (ANSA/FEDERICO PROIETTI)

Il nuovo segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti ha detto che uno dei suo progetti per il partito è cambiare la sede nazionale di Roma, quella conosciuta comunemente come “il Nazareno” per la sua vicinanza a largo del Nazareno (l’indirizzo esatto è via Sant’Andrea delle Fratte 16). Zingaretti ha parlato del suo progetto durante un’intervista a Che tempo che fa (potete rivederla qui), andata in onda domenica sera su Rai Uno.

Non l’ho mai detto ma lo dico adesso: io vorrei anche cambiare la sede nazionale del PD da via del Nazareno, e costruire a Roma ma anche un po’ in tutto il paese delle sedi del Partito Democratico dove il primo piano sia destinato a dei coworking delle idee, dove ragazzi e ragazze, le donne, coloro che vogliono dare una mano, possono entrare e dire «guardate che state sbagliando, secondo me noi dobbiamo cambiare posizione».

Poco dopo, rispondendo a una domanda del conduttore Fabio Fazio sul progetto della nuova sede, Zingaretti ha aggiunto:

Io credo che in questa nuova fase dovremmo aprire una nuova bella sede, con al piano terra anche una bella libreria, un coworking, un bar.

La sede nazionale del Partito Democratico a Roma è molto legata alla storia recente del partito e alla figura di Matteo Renzi, segretario del PD dal 2013 al 2018. Tra le altre cose, la sede del PD è diventata nota per il cosiddetto “patto del Nazareno”, un accordo tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi per approvare insieme alcune riforme a cui si arrivò durante un incontro negli uffici di largo del Nazareno. Il “patto del Nazareno” diventò poi il simbolo della presunta vicinanza del PD di Renzi al centrodestra italiano e del suo atteggiamento amichevole nei confronti di Berlusconi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.