• Mondo
  • venerdì 8 marzo 2019

Ci sono stati degli scontri al Muro del Pianto a Gerusalemme per la preghiere delle donne di “Women of the Wall”

Venerdì mattina ci sono stati degli scontri a Gerusalemme vicino al Muro del pianto, quando centinaia di giovani ebrei ultra ortodossi hanno cercato di interrompere il momento di preghiera organizzato dalle donne di “Women of the Wall”, il movimento nato nel 1988 per chiedere che le donne ebree praticanti possano avere gli stessi diritti religiosi accordati agli uomini, soprattutto per quanto riguarda gli spazi del Muro del Pianto.

Le donne di “Women of the Wall” si ritrovano ogni Rosh Chodesh (che nel calendario ebraico corrisponde al primo giorno del mese) per pregare insieme e il servizio di oggi era stato organizzato per celebrare il trentesimo anniversario del primo incontro. Questo mese il Rosh Chodesh coincide con la Giornata internazionale della donna.

I giovani ultra-ortodossi sono stati trattenuti dalle forze dell’ordine per evitare che si avvicinassero troppo al gruppo di donne in preghiera, e hanno finito per scontrarsi contro un gruppo di uomini che era andato al Muro del Pianto per sostenere l’iniziativa di “Women of the Wall”. Anche diverse fedeli ultra ortodosse si sono recate al Muro del Pianto oggi e si scontrate con le donne di “Women fo the Wall”.

Il Jerusalem Post ha scritto che 150 membri del movimento si sono trovate di fronte più di 10 mila donne ultra ortodosse e che le due parti si sono insultate pesantemente. Alcune ragazze presenti, riferisce Haaretz, frequentano scuole religiose ed erano state convinte a recarsi sul luogo dai propri insegnati per bloccare la preghiera ed evitare che le donne di “Women of the Wall” raggiungessero il Muro del Pianto. In un tweet il movimento ha scritto che almeno due donne del loro gruppo sono state portate in ospedale per degli accertamenti dopo gli scontri avvenuti con le fedeli ultra ortodosse.

Una donna del movimento religioso ebraico "Women of the Wall", mentre indossa un "Tefillin" e un "Tallit" (tradizionalmente indossati solo dagli uomini), durante il momento di preghiera organizzato l'8 marzo. (GALI TIBBON / AFP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.