Weekly Post #12 – La moda un po’ più di tutti

Partendo da un villaggio innevato nel centro di Parigi capiamo cosa sta cambiando in uno dei settori più importanti e fraintesi della nostra economia, nella nuova puntata del podcast del Post

Cara Delevingne consola una modella che piange durante il tributo a Karl Lagerfeld alla sfilata di Chanel alla settimana della moda di Parigi. (AP Photo/Francois Mori)

A Parigi si è appena conclusa la settimana della moda, il più importante e seguito evento della stagione per un settore che solo in Italia fattura circa 70 miliardi di euro, cioè il 3,6 per cento del PIL. Nonostante l’importanza dell’industria della moda, parlarne è ancora difficile: gli sforzi che da anni in molti fanno per sfatarne l’aura di occupazione frivola hanno portato a progressi significativi, ma è un pregiudizio che continua a sopravvivere in moltissime bolle. Nella nuova puntata del Weekly Post proviamo a fare la nostra parte: partendo dall’ultima sfilata di Chanel disegnata da Karl Lagerfeld, Arianna Cavallo risponde ad alcune domande scontate e ad altre meno, e ci racconta cosa sta cambiando nella moda e quali sono state le cose più discusse che si sono viste negli ultimi giorni sulle passerelle. Il Weekly Post è disponibile su Spreakersu Spotifysu iTunes e su Google Podcast.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.