• Mondo
  • mercoledì 6 marzo 2019

Bolsonaro ha twittato il video di una “pioggia dorata”, poi ha chiesto cosa fosse

E non sarebbe carino spiegarvelo in un sommario quindi facciamo che leggete l'articolo

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro è al centro di una nuova polemica per aver pubblicato su Twitter un video che mostra un manifestante, in piedi su una pensilina per gli autobus durante i festeggiamenti di carnevale, mentre urina in testa a un altro. Nel suo intento, Bolsonaro voleva mostrare la scena per biasimarla e rispondere alle molte proteste contro di lui avvenute durante le sfilate di carnevale di tutto il paese. Ma la sua idea gli si è ritorta contro: i principali giornali brasiliani lo hanno criticato per aver diffuso immagini descritte come «pornografiche».

Avvertimento: il video mostra, per l’appunto, un uomo che urina in testa a un altro. 

Bolsonaro ha quasi 3,5 milioni di follower su Twitter, e il video è stato retwittato 8.500 volte. All’inizio il video era mostrato senza avvertimenti, ma dopo qualche ora Twitter ha introdotto un messaggio per avvisare del contenuto esplicito. Nelle ore successive Bolsonaro ha twittato altre cose totalmente scollegate, ma poi mercoledì pomeriggio ha scritto: «Cos’è una pioggia dorata?». In molti – che si erano persi il pezzo precedente – avevano pensato fosse un riferimento alla famosa storia del presidente statunitense Donald Trump: in un dossier di intelligence mai verificato, infatti, si diceva che in un albergo di Mosca Trump avesse chiesto a delle prostitute di urinarsi addosso (la pratica sessuale che per l’appunto viene chiamata “pioggia dorata”). Probabilmente, hanno invece ipotizzato in molti, era un tentativo – autentico o meno – di chiedere spiegazioni sulle risposte ricevute al suo precedente tweet.

Bolsonaro, un politico apertamente razzista e di estrema destra, è famoso tra le altre cose per le sue frequenti uscite misogine e omofobe: anche per questo è stato molto contestato nelle celebrazioni del carnevale brasiliano, noto per essere una festa tollerante, pluralista e spesso provocatoria. In diverse città ci sono stati cori contro di lui – spesso molto volgari – e manifestazioni di dissenso: non è però chiaro il contesto del video twittato da Bolsonaro, che sembra essere stato girato a San Paolo, né se il comportamento dei due uomini fosse in qualche modo legato alle contestazioni.

«Non sono a mio agio a mostrarlo, ma dobbiamo far vedere la verità così che la popolazione possa sapere e decidere le proprie priorità. Questo è quello che sono diventate molte feste di carnevale in Brasile», ha scritto Bolsonaro. In moltissimi, dagli utenti comuni (anche suoi sostenitori) a quelli più seguiti e influenti e fino agli editorialisti dei quotidiani, lo hanno criticato descrivendolo come «osceno» e «pornografo».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.