• Mondo
  • lunedì 4 marzo 2019

Juan Guaidó è tornato in Venezuela, dove rischia di essere arrestato

Juan Guaidó, l’autoproclamato presidente ad interim del Venezuela, è atterrato nell’aeroporto di Caracas dopo che il 22 febbraio aveva lasciato il paese per assistere al concerto organizzato sul confine tra Colombia e Venezuela dal miliardario Richard Branson. «Entriamo in Venezuela da cittadini liberi, che nessuno ci dica il contrario» ha scritto su Twitter dopo essere tornato in patria, e ha annunciato una mobilitazione nazionale per sabato 9 marzo.

Negli ultimi dieci giorni Guaidó aveva anche fatto un tour dei paesi dell’America Latina: dall’Ecuador è tornato in Venezuela, dove ora rischia di essere arrestato perché la Corte Suprema venezuelana gli aveva vietato di lasciare il paese. Guaidó era riuscito a lasciare il paese – i cui confini sono chiusi su ordine del presidente Nicolás Maduro – grazie all’aiuto di alcuni soldati dell’esercito vicini alla sua causa.

Juan Guaidó a Caracas, 23 gennaio 2019 (FEDERICO PARRA/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.