• Mondo
  • mercoledì 27 febbraio 2019

In Uganda, 2,5 milioni di persone hanno lasciato Internet per evitare la tassa sui social media

In Uganda molti utenti stanno abbandonando Internet dopo l’introduzione di una tassa sui social media e sulle transizioni di denaro: a partire dallo scorso luglio tutti gli utenti che vogliono usare le piattaforme online – sono più di 60 quelle interessate dalla tassa, comprese Facebook, WhatsApp e Twitter – devono pagare 200 scellini ugandesi al giorno (circa 5 centesimi di euro). Nei tre mesi successi all’introduzione della nuova imposta, il numero di sottoscrizioni a internet è diminuito di oltre 2,5 milioni. La tassa era stata pensata per aumentare le entrate pubbliche, ma il presidente del paese, Yoweri Museveni, la considerava uno strumento per combattere il “gossip online”.

(AP Photo/Stephen Wandera)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.