Rami Malek, Olivia Colman, Regina King e Mahershala Ali con i loro premi Oscar (Frazer Harrison/Getty Images)

Tutti i vincitori degli Oscar 2019

Nella notte Alfonso Cuarón ha vinto tre Oscar per "Roma", ma non quello per il miglior film, andato invece a "Green Book" di Peter Farrelly

Rami Malek, Olivia Colman, Regina King e Mahershala Ali con i loro premi Oscar (Frazer Harrison/Getty Images)

Nella notte tra domenica e lunedì, al Dolby Theatre di Los Angeles, sono stati consegnati i premi Oscar 2019. La cerimonia non ha avuto un conduttore e tutti i premi sono stati consegnati in diretta (nonostante fino a qualche giorno fa fosse stato deciso altro). Green Book ha vinto l’Oscar per il miglior film mentre Alfonso Cuarón ha ricevuto gli Oscar alla regia e alla fotografia per Roma.

Il personaggio della serata è stato proprio Cuarón, vincitore anche del premio per il miglior film straniero. Per la quinta volta in sei anni, inoltre, l’Oscar per la regia è stato dato a un regista messicano. Il favorito come miglior attore era invece Rami Malek, per Bohemian Rhapsody, che infatti ha vinto il suo primo Oscar. La miglior attrice più quotata era Glenn Close, candidata per The Wife, ma invece qui ha vinto un po’ inaspettatamente Olivia Colman per La favorita di Yorgos Lanthimos.

Tutti i vincitori degli Oscar 2019 (se leggi da mobile clicca qui):

L’Oscar per la miglior attrice non protagonista è andato a Regina King, che ha recitato in Se la strada potesse parlare. Nel corso della serata sono stati premiati anche Lady Gaga (per la miglior canzone) e Spike Lee (per la sceneggiatura non originale di BlacKkKlansman): per entrambi si tratta del primo Oscar in carriera. Il film della Marvel Black Panther ha invece vinto i premi per costumi, scenografia e colonna sonora originale: sono stati i primi Oscar mai vinti da un film dei Marvel Studios.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.