Frazer Harrison/Getty Images

Rami Malek ha vinto l’Oscar per il miglior attore protagonista

Per "Bohemian Rhapsody", il film in cui è Freddie Mercury: era la sua prima nomination

Frazer Harrison/Getty Images

Rami Said Malek, attore statunitense di 37 anni, ha vinto l’Oscar come miglior attore protagonista. Malek, che era alla sua prima nomination agli Oscar, ha recitato in Bohemian Rhapsody, in cui ha interpretato Freddie Mercury, cantante dei Queen. Prima dell’Oscar come migliore attore, Malek aveva già vinto un Golden Globe, un BAFTA e un premio ai SAG Awards, assegnati dal sindacato degli attori. Oltre che per questo film, Malek è famoso perché interpreta Elliot Alderson nella serie tv Mr. Robot, che finirà quest’anno con la sua quarta stagione.

Malek è nato a Los Angeles nel 1981, da una famiglia di origini egiziane (e ne ha parlato durante il suo discorso di ringraziamento). Malek, che ha un fratello gemello che si chiama Sami, che ha frequentato la stessa scuola dell’attrice Kirsten Dunst, iniziò a recitare nel 2004, con una piccola parte nella serie tv Una mamma per amica. Nel 2006 recitò nel suo primo film, interpretando un faraone nella commedia Una notte al museo. Prima del grande successo di Mr. Robot aveva recitato in L’amore all’improvviso, Battleship, The Master, The Twilight Saga: Breaking Dawn – Parte 2, Oldboy e Il sangue di Cristo (questi ultimi due diretti da Spike Lee) e Papillon.

Bohemian Rhapsody racconta la storia dei Queen, dalla nascita nel 1970 al concerto Live Aid del 1985. Per interpretare Mercury, Malek ha tra le altre cose dovuto indossare dei denti finti. Malek ha raccontato in diverse interviste di aver avuto diversi dubbi prima di accettare la parte di Mercury in Bohemian Rhapsody. Prima di lui era stato scelto l’attore Sacha Baron Cohen, che però aveva abbandonato il progetto. Malek prese il suo posto nel 2017, quando si decise anche che il film sarebbe stato diretto da Bryan Singer, che alcune settimane prima delle riprese fu licenziato per «comportamento inaffidabile sul set».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.