• Mondo
  • domenica 24 febbraio 2019

A Salamiyeh, nella Siria centrale, l’esplosione di una mina dell’ISIS ha ucciso 24 persone

Domenica è esplosa una mina a Salamiyeh, città siriana a nordest di Homs, provocando l’uccisione di 24 persone. La mina, ha detto l’agenzia di news statale siriana, era stata lasciata tempo fa dallo Stato Islamico (o ISIS): è esplosa al passaggio di un furgone con a bordo 24 lavoratori.

L’ISIS ha perso quasi completamente tutti i territori che controllava in Siria e sta per combattere la sua ultima battaglia vicino a Baghuz, nel sudest, al confine con l’Iraq. Nelle aree perdute, comunque, i miliziani dell’ISIS hanno lasciato numerose bombe e mine che non sono ancora state individuate e disinnescate dai curdi o dalle forze fedeli al regime siriano di Bashar al Assad.

Hama, Siria (Anas Alkharboutli/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.