• Mondo
  • venerdì 22 febbraio 2019

Una persona è morta e 12 sono state ferite dopo che l’esercito venezuelano ha sparato contro un gruppo di manifestanti

I soldati dell’esercito venezuelano hanno sparato contro alcuni civili che stavano opponendosi alla chiusura del confine tra il Venezuela e il Brasile, nel sud del paese, per permettere l’ingresso degli aiuti umanitari internazionali. Il presidente del Venezuela Nicolás Maduro aveva annunciato giovedì che il confine tra i due paesi sarebbe stato chiuso: Maduro è convinto che l’invio di aiuti umanitari sia una strategia degli Stati Uniti per rovesciare il suo governo. Il Washington Post riferisce che negli scontri con l’esercito una persona è morta e 12 sono state ferite.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro (YURI CORTEZ/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.