La bandiera della Corea del Nord all'interno dell'ambasciata nordcoreana a Roma (ANSA/GIUSEPPE LAMI)
  • Mondo
  • venerdì 22 Febbraio 2019

La figlia di Jo Song-gil è tornata in Corea del Nord di sua volontà, dice Repubblica

Lo sostiene Carlo Bonini su Repubblica, che ha ricostruito la storia della figlia dell'ex ambasciatore a Roma che ha disertato a novembre

La bandiera della Corea del Nord all'interno dell'ambasciata nordcoreana a Roma (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Carlo Bonini ha ricostruito oggi su Repubblica la storia della figlia 17enne di Jo Song-gil, l’ex diplomatico ambasciatore “reggente” nordcoreano in Italia che lo scorso novembre ha disertato, sparendo nel nulla. Secondo Bonini, che ha basato la sua storia su quattro fonti dell’intelligence italiana rimaste anonime per ragioni di sicurezza, la ragazza non sarebbe stata riportata nel suo paese forzatamente, prelevata dalle forze di sicurezza nordcoreane e detenuta per la diserzione del padre, come riportato in precedenza; avrebbe invece deciso di sua volontà di non seguire i suoi genitori nella loro fuga perché contraria alla loro scelta, e di raggiungere il nonno in Corea del Nord. La ricostruzione di Repubblica è compatibile con le informazioni diffuse mercoledì dal ministero degli Esteri italiano; finora però non è stata confermata da altre fonti.

Secondo Bonini, Jo Song-gil era diventato oggetto dell’attenzione dell’intelligence italiana fin dalla sua nomina ad ambasciatore “reggente”, nell’ottobre 2017, dopo l’espulsione dall’Italia dell’ex ambasciatore Mun Jong-nam come ritorsione per un test nucleare compiuto dalla Corea del Nord che aveva violato una risoluzione ONU.

Jo infatti aveva un profilo particolare, interessante agli occhi dei servizi segreti. Grazie ai suoi legami familiari nel Partito dei Lavoratori, il partito del dittatore Kim Jong-un, gli era stato concesso di venire in Italia con tutta la famiglia, moglie e figlia, una cosa piuttosto rara per la Corea del Nord: tenere i familiari stretti dei diplomatici in territorio nordcoreano, infatti, permette al regime di esercitare una specie di “ricatto”, minacciando ritorsioni contro di loro in caso di diserzione. Secondo Bonini, comunque, l’Agenzia informazioni e sicurezza esterna (Aise), il servizio segreto per l’estero italiano, concluse dopo un periodo di osservazione che Jo non era in possesso di informazioni rilevanti: risultava per esempio «essere tagliato fuori dall’accesso alla “cifra”, l’algoritmo che rende inintelligibili i dispacci tra l’ambasciata di Roma e Pyongyang», la capitale della Corea del Nord. I servizi notarono però anche un’altra cosa.

La figlia 17enne di Jo era «emotivamente instabile». Secondo le fonti contattate da Bonini, rimproverava ai genitori comportamenti “non consoni” con la cultura e i principi della Corea del Nord, dove lei era cresciuta ed era stata educata, accusandoli per esempio di fare troppa vita mondana con gli occidentali fuori dall’ambasciata. La ragazza espresse le sue preoccupazioni sia con il nonno in Corea del Nord sia con il personale dell’ambasciata, spingendo il regime nordcoreano a ordinare il ritorno a casa di tutta la famiglia entro la fine del 2018.

A quel punto, scrive Bonini, Jo e sua moglie si resero conto di non avere più tempo e il 10 novembre decisero di scappare in Svizzera, per negoziare una richiesta di asilo e la protezione dei servizi segreti statunitensi e britannici in cambio di informazioni (anche questa sarebbe una notizia: non si hanno infatti informazioni certe su dove siano ora Jo e la moglie, o se abbiano fatto richiesta di protezione a qualche governo). Il 14 novembre, quattro giorni dopo la fuga, la figlia di Jo sarebbe stata accompagnata all’aeroporto dal personale femminile dell’ambasciata nordcoreana a Roma, di sua volontà, dove avrebbe preso un volo per tornare in Corea del Nord.

Secondo Bonini, quindi, le cose sarebbero andate come anticipato dal ministero degli Esteri italiano, che aveva parlato di un ritorno volontario della figlia di Jo in Corea del Nord, e diversamente da quanto raccontato mercoledì ai giornalisti sudcoreani da Thae Yong-ho, ex viceambasciatore nordcoreano a Londra che nel 2016 disertò e scappò in Corea del Sud. Bonini ha scritto che Thae sarebbe stato indotto dai servizi segreti sudcoreani a raccontare la versione del “rimpatrio forzato” della figlia di Jo per mettere pressione al regime nordcoreano, e allo stesso tempo «avvisare Roma che la linea di apertura timidamente mostrata nei confronti del nostro paese da Pyongyang negli ultimi mesi può costare un prezzo politico alto».

Venerdì ha dato la sua versione della storia anche il governo nordcoreano tramite una lettera inviata dal successore di Jo, ovvero Kim Chon, primo consigliere dell’ambasciata nordcoreana in Italia, al presidente dell’UIP (unione interparlamentare) Italia-Nord Corea, il deputato di Forza Italia Osvaldo Napoli. La lettera, che è stata ottenuta da Repubblica, sostiene che Jo e sua moglie non siano scappati per motivi politici e che la figlia «odiava e rimproverava i suoi genitori» che la lasciavano spesso a casa da sola. La ragazza, prosegue la lettera, è quindi tornata in Corea del Nord di sua volontà, perché voleva stare con i nonni.