• Mondo
  • martedì 12 febbraio 2019

In Turchia è stato ordinato l’arresto di 1.112 persone accusate di avere legami con il religioso Fethullah Gülen

In Turchia è stato ordinato l’arresto di 1.112 persone sospettate di avere legami con il religioso turco Fethullah Gülen, accusato dal presidente Recep Tayyip Erdoğan di avere organizzato il tentato colpo di stato del luglio 2016. La notizia, che non è stata ancora confermata dal governo, è stata data da Cnn Türk, canale sempre molto ben informato di cose turche: le operazioni di polizia sarebbero concentrate soprattutto ad Ankara, nella capitale, ma riguarderebbero in misura minore anche diverse altre province del paese. L’operazione contro la rete di Gülen, ha scritto Reuters, è tra le più grandi avviate dalla magistratura e dal governo turco dal tentato colpo di stato.

Gülen si trova in esilio autoimposto negli Stati Uniti dalla fine degli anni Novanta ed è oggi considerato l’avversario politico più potente di Erdoğan.

Fethullah Gülen, il 17 luglio 2016, a Saylorsburg, in Pennsylvania (AP Photo/Chris Post)