Berlusconi sul momento politico italiano: «Siete tutti pazzi!»

A Canale 5 ha fatto una sfuriata contro Luigi Di Maio dicendo che «gli italiani sono usciti di testa» per averlo votato

Durante la puntata della trasmissione Pomeriggio Cinque, condotta da Barbara D’Urso, Silvio Berlusconi si è lanciato in una dura invettiva contro il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio domandandosi più volte come gli italiani abbiano potuto votare una persona che, a suo avviso, ha così poche competenze. Al culmine del suo intervento, Berlusconi si è girato verso il pubblico e ha esclamato:

«Siete tutti pazzi! Gli italiani sono usciti di testa! Siamo un popolo di matti!»

 

In diretta da Pomeriggio 5

In diretta da Pomeriggio 5, ospite di Barbara d'Urso. Seguiteci!

Gepostet von Silvio Berlusconi am Dienstag, 12. Februar 2019

Berlusconi inizia a parlare di Di Maio al minuto 4, mentre il culmine dell’invettiva è al minuto 8

Poco prima Berlusconi aveva osservato con amarezza e stupore il ridotto numero di consensi che il suo partito, Forza Italia, riesce ormai a raccogliere.

«Non posso uscire a fare compere perché mi fermano tutti, vogliono tutti la foto con me, e poi al momento del voto in quanti votano Berlusconi? Mi vergogno a dirlo, perché sono 5-6 italiani su 100 e mi sembra una cosa fuori dal mondo. Penso che gli italiani siano quasi tutti fuori di testa, perché hanno affidato un’azienda importante come l’Italia a qualcuno che non la conosce, che non ha mai lavorato, che non ha mai studiato, che sa solo chiacchierare bene ma quando va in azienda non capisce niente e fa quello che Di Maio e gli altri stanno facendo. Ma gli italiani dove hanno messo la testa? Si guardino nello specchio!»

Alle ultime elezioni regionali in Abruzzo, che si sono svolte domenica, Forza Italia ha perso oltre 50mila voti rispetto alle elezioni politiche del 4 marzo, scendendo sotto il 10 per cento dei consensi. Secondo i sondaggi, il partito di Berlusconi si troverebbe oramai intorno all’8 per cento nel consenso nazionale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.