• Mondo
  • lunedì 11 febbraio 2019

Tre fotografi dicono di essere stati “presi di mira” dalla polizia durante una protesta dei gilet gialli

Uno di loro è rimasto ferito a Tolosa mentre era lontano dal gruppo dei manifestanti e chiaramente riconoscibile

Tre fotografi francesi che sabato 9 febbraio stavano seguendo le proteste dei “gilet gialli” a Tolosa hanno detto di essere stati “deliberatamente” presi di mira dalle forze dell’ordine. Uno di loro è rimasto ferito alla coscia e alla natica da una granata che lo ha raggiunto mentre, con altri due colleghi, era lontano dal gruppo dei manifestanti e chiaramente riconoscibile.

Sabato scorso circa 6mila “gilet gialli” hanno manifestato nel centro di Tolosa, uno dei luoghi in cui il movimento è più forte e attivo. Nel pomeriggio i manifestanti hanno lanciato vari oggetti contro gli agenti che hanno replicato usando cannoni ad acqua e gas lacrimogeni per disperderli. Ulrich Lebeuf, fotografo del quotidiano Libération che si trovava sul posto con Valentin Belleville e Eric Lerbret, ha raccontato all’AFP che tutti e tre avevano deciso di uscire dalla linea del corteo per non trovarsi tra la polizia e i manifestanti. Indossavano tutti i caschi e le fasce con la scritta “press” e avevano con loro delle attrezzature piuttosto ingombranti: «Quindi eravamo molto visibili e molto identificabili», ha detto. «Ci siamo accovacciati in una posizione sicura lungo un muro. La polizia era alla nostra sinistra e i manifestanti davanti a noi». C’era bel tempo, il cielo era chiaro, «le condizioni di visibilità erano buone, non c’era gas lacrimogeno, nessuna nuvola di fumo e noi non avevamo addosso una maschera antigas». Valentin Belleville su Facebook ha aggiunto: «Eravamo tutti e tre completamente isolati (…) Non c’era pericolo per la polizia».

A quel punto, però, una “granata” è esplosa ai loro piedi colpendo Valentin Belleville, che è rimasto ferito nella parte posteriore della coscia e della natica. Secondo Ulrich Lebeuf, si trattava di una granata di “désencerclement”, una bomba a mano che contiene proiettili di gomma e che può essere utilizzata solo in caso di grave pericolo o minaccia per le forze dell’ordine. In un video pubblicato dal sito Actu Toulouse, si sente il rumore della granata e si vede l’esplosione, vicino ai giornalisti, lontana da ogni manifestante (da 0 a 30 secondi).

Eric Lerbret, il terzo fotografo coinvolto, ha detto: «Siamo stati senza dubbio presi di mira. Siamo consapevoli dei rischi che corriamo nel coprire questi eventi, ma la nostra responsabilità si ferma quando siamo deliberatamente colpiti», ha detto a AFP. I tre hanno detto di aver riferito quanto accaduto alla commissione reclami della polizia e anche che oggi, lunedì 11 febbraio, presenteranno una denuncia formale. Nel frattempo, la direzione dipartimentale della pubblica sicurezza di Tolosa ha dichiarato in modo generico che «non è impossibile» che questo tipo di granata possa aver «raggiunto i piedi dei fotoreporter che erano nella piazza tra i manifestanti».