• domenica 10 febbraio 2019

Nessuno ha voluto comprare cinque quadri di Hitler

Cinque quadri attribuiti ad Adolf Hitler sono rimasti invenduti alla fine di un’asta di cimeli nazisti organizzata da una casa d’aste di Norimberga, in Germania.
La base d’asta dei quadri era piuttosto alta (si aggirava tra i 19mila e i 45mila euro), ma oltre che dalla spesa, i potenziali compratori potrebbero essere stati spaventati anche dai dubbi sull’autenticità delle tele emersi qualche giorno prima dell’asta.
Non è successo solo con i quadri, però: è rimasta invenduta anche una poltrona da giardino con le svastiche sui braccioli, che apparteneva a Hitler.
La casa d’aste aveva ricevuto molte critiche per aver organizzato un’asta di cimeli nazisti: il sindaco di Norimberga, Ulrich Maly, l’aveva definita “di cattivo gusto”.

(Daniel Karmann/AFP/Lapresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.