Donald Trump e Kim Jong-un all'hotel Capella di Sentosa, a Singapore, il 12 giugno 2018 durante il loro primo incontro (AP Photo/Evan Vucci)
  • Mondo
  • sabato 9 Febbraio 2019

Il prossimo incontro tra Trump e Kim Jong-un

Venerdì Trump ha annunciato che sarà il 27 e il 28 febbraio ad Hanoi, in Vietnam: probabilmente si parlerà ancora di nucleare e di sanzioni economiche

Donald Trump e Kim Jong-un all'hotel Capella di Sentosa, a Singapore, il 12 giugno 2018 durante il loro primo incontro (AP Photo/Evan Vucci)

Venerdì, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che il 27 e il 28 febbraio ad Hanoi, in Vietnam, incontrerà per la seconda volta il leader nordcoreano Kim Jong-un. Trump ha dato la notizia con due messaggi su Twitter, spiegando che i rappresentanti del suo governo avevano appena lasciato la Corea del Nord dopo aver stabilito gli ultimi dettagli sull’incontro, che era stato annunciato per la prima volta da Trump stesso durante il discorso sullo stato dell’Unione, nella notte tra martedì e mercoledì.

L’incontro di febbraio sarà il secondo tra Trump e Kim Jong-un dopo quello dello scorso giugno a Singapore: fu la prima volta che un presidente americano incontrava un leader del regime nordcoreano e in molti parlarono di un avvenimento “storico”. Lo scopo di Trump e del governo americano è quello di portare avanti le trattative iniziate un anno fa per arrivare alla denuclearizzazione della Corea del Nord, un obiettivo molto ambizioso e ancora lontano dall’essere raggiunto. Fino ad ora la Corea del Nord ha accettato di interrompere i suoi test missilistici – fino a circa un anno e mezzo fa se ne raccontava quasi uno al mese – ma ha sempre detto di non voler rinunciare al suo arsenale se non in cambio di grosse concessioni da parte degli Stati Uniti (come il ritiro completo dei suoi soldati dalla Corea del Sud).

La Corea del Nord, dall’altra parte, con questi incontri sta cercando di aumentare la sua credibilità internazionale, per arrivare a un alleggerimento delle dure sanzioni internazionali che di fatto impediscono lo sviluppo di una vera economia nel paese. In un altro messaggio pubblicato venerdì, Trump ha scritto su Twitter che “la Corea del Nord, sotto la guida di Kim Jong-un, diventerà una potenza economica. Potrà sorprendere qualcuno, ma non sorprenderà me, perché l’ho conosciuto e capisco bene quello di cui è capace».